NEWS&PRESS

Designati i componenti dei nuovi organi direttivi, di Ancona e di Marche Nord

Claudio Schiavoni all’Assemblea Privata: un altro passo in avanti per Confindustria Marche Nord



MARIA GIOVANNA GALLO



DATA DI PUBBLICAZIONE
Venerdi 24 Novembre 2017, ore 11:15


PAROLE CHIAVE
Comunicati


IMMAGINE


STAMPA
Versione stampabile

Ancona 24 novembre 2017 – Un’assemblea privata estremamente importante per il futuro di Confindustria Marche Nord quella che si è svolta ieri sera, 23 novembre presso la sede di Ancona. La prima assemblea della territoriale di Ancona all’interno di CMN

Nell’occasione sono stati infatti designati i due componenti di Ancona che affiancheranno il presidente Schiavoni e Marco Gialletti nel Consiglio di presidenza di Confindustria Marche Nord: Valerio Fedeli (Muflesystem srl, già presidente di Sogesi) e Giancarlo Cogliati (Api Raffineria di Ancona Spa, già parte del direttivo di Ancona).

Ieri sera si è anche completato il Consiglio di Presidenza Territoriale, ovvero l’organo direttivo che gestirà le attività nell’area di Ancona: si tratta di Pierluigi Bocchini (Presidente di Clabo spa) che assume il ruolo di Vicepresidente delegato a sostituire il presidente Schiavoni nell’attività specifica della territoriale. Il secondo Vicepresidente è Morgan Clementi (titolare di Clementi Forni srl) e l’atro componente designato è Mirko Panzarea (Presidente CDA Cat Impianti srl).
Del nuovo organo fanno anche parte di diritto, Marco Del Moro, Presidente Gruppo Giovani Imprenditori, Fabio Fiori, Rappresentante del Collegio Costruttori Edili e Diego Mingarelli, Presidente Piccola Industria.

“Un’associazione a misura d’impresa” così Claudio Schiavoni ha definito Confindustria Marche Nord nel suo intervento durante l’Assemblea. “Un’associazione che, forte delle migliori esperienze sviluppate da Ancona e Pesaro Urbino, sia più moderna, più efficace, più efficiente di quanto le due territoriali siano da sole. Con la costituzione degli organi direttivi che sarà finalizzata in questi giorni potremo accendere definitivamente i motori della nostra nuova casa associativa. Senza rinunciare al traguardo di avere un’unica Confindustria nella nostra regione. In questi mesi non abbiamo mai interrotto il dialogo con i presidenti delle altre territoriali, cercando di valorizzare i punti che ci accomunano e non quelli che sono motivo di separazione. E’ un obiettivo ambizioso ma raggiungibile, ne siamo certi”.

Appresi i risultati della votazione Pierluigi Bocchini ha voluto ringraziare l’assemblea per la fiducia accordata a lui e agli altri componenti del Consiglio e ha manifestato la volontà di ascoltare le aziende associate, capire le loro esigenze e aiutarle a recuperare l’orgoglio di essere imprenditori e di far parte del sistema Confindustria.