NEWS&PRESS

Bando INAIL per la messa in sicurezza di immobili produttivi – SISMA CENTRO ITALIA 2016

Entro il 30 Settembre 2019 l'invio della manifestazione d'interesse tramite il sito di Invitalia



FRANCESCO ANGELETTI



DATA DI PUBBLICAZIONE
Giovedi 5 Settembre 2019, ore 9:32


PAROLE CHIAVE
Notizie Tecniche, Credito e Finanza, Finanza Agevolata


STAMPA
Versione stampabile

Dal 15 luglio le imprese non direttamente danneggiate dal sisma, che ha colpito il Centro Italia nel 2016 e 2017, possono presentare al Commissario Straordinario del Governo per la ricostruzione Farabollini le manifestazioni di interesse per i contributi del bando INAIL, destinati alla messa in sicurezza di immobili e impianti ad uso produttivo.

Si tratta di 30 milioni di euro di agevolazioni (stanziati con DL 189/2016), per assicurare la ripresa e lo sviluppo delle attività economiche in condizioni di sicurezza, per tutti i lavoratori dei 138 comuni di Abruzzo, Lazio, Marche e Umbria, colpiti dagli eventi sismici del 2016 e 2017.

Le tipologie di intervento previste dall’incentivo sono:

• Rafforzamento locale;
• Miglioramento Sismico;
• Messa in sicurezza dei componenti non strutturali e degli impianti.

Entro il 30 Settembre 2019, attraverso una piattaforma informatica predisposta da Invitalia (http://appinail.invitalia.it), tutte le imprese che intendano usufruire dei contributi, comprese quelle che abbiano già effettuato lavori compatibili con le finalità dell’ordinanza n.82 del 10 luglio 2019, possono inviare al Commissario Straordinario la manifestazione di interesse a presentare la domanda di contributo.

Obiettivo della call, stimare il numero delle potenziali richieste di finanziamento da parte di tutte le imprese che, pur non avendo subito danni a causa del sisma, intendano effettuare interventi di rafforzamento locale, miglioramento sismico o messa in sicurezza dei componenti non strutturali e degli impianti negli immobili sede dell’attività.

Sulla base del numero di manifestazioni di interesse che perverranno e dell’entità economica degli interventi proposti, il Commissario Straordinario emanerà un’apposita Ordinanza, che fisserà le percentuali di contribuzione sulla spesa ammissibile e gli importi