NEWS&PRESS

Il completamento della Quadrilatero è sempre più urgente: Fabriano è più vicino a Perugia che ad Ancona!

Pierluigi Bocchini stigmatizza i ritardi per il completamento dell’opera



MARIA GIOVANNA GALLO



DATA DI PUBBLICAZIONE
Venerdi 27 Luglio 2018, ore 13:15


PAROLE CHIAVE
Comunicati, Notizie Tecniche


STAMPA
Versione stampabile

Ancona, 27 luglio 2018 – “La Quadrilatero? Non vorremmo che fosse l’ennesima, tragica, incompiuta all’italiana” così Pierluigi Bocchini, Vice Presidente Delegato per la territoriale di Ancona di Confindustria Marche Nord manifesta la forte preoccupazione del mondo industriale per la lentezza esasperante – per non parlare di vero stallo – con la quale avanzano i lavori. Un’opera sempre più urgente e necessaria, che rappresenta al momento una vera e propria strozzatura che limita pesantemente la mobilità di persone e merci verso e da tutta la zona del fabrianese.

“Dopo la gestione del nostro Past President Gennaro Pieralisi, l’unica in grado di imprimere una direzione chiara all’opera – ha precisato Bocchini – se ne sono succedute altre che di fatto hanno rallentato, se non bloccato, l’ultimazione dei lavori. Con il risultato che ad oggi ci troviamo un’arteria fondamentale per i trasporti di persone e merci nella nostra provincia, che di fatto è ad una sola corsia per senso di marcia, piena di ostacoli e rallentamenti. Fabriano è più vicina a Perugia che a Jesi o Ancona e questo è inaccettabile”.

“Le ultime date comunicate dai responsabili dei lavori lo scorso novembre - conclude Bocchini – ovvero completamento dell’opera entro il corrente mese di luglio 2018 saranno, ancora una volta, puntualmente disattese. Si parla ora genericamente dei primi mesi del 2019: il nostro auspicio è che i progetti, tra l’altro già finanziati, siano approvati il prima possibile. E’ certo che gli industriali non staranno solo a guardare”.